Controlli preliminari

Prima di presentare la domanda di registrazione di un marchio d’impresa è conveniente attenersi ad alcune regole generali:

  • assicurarsi che il marchio rispetti i requisiti di idoneità formali (novità, capacità distintiva, liceità, sincerità);
  • scegliere un marchio che sia di facile lettura, scrittura, identificazione, memorizzazione e pubblicizzazione su tutti i media disponibili; che sia realizzato graficamente in maniera professionale (non con pittogrammi o clip art generiche);
  • sincerarsi del fatto che il marchio non abbia alcuna connotazione negativa (grafica, verbale, fonetica) in Italia e in tutti i paesi nei quali si intende diffonderlo;
  • controllare che il corrispondente nome a dominio sia libero;
  • eseguire una ricerca d’anteriorità per verificare che esso non sia identico o simile a marchi precedentemente registrati sia testualmente che graficamente (classificazione di Vienna);
  • stilare un elenco di prodotti/servizi offerti nel presente e in futuro e, attraverso il sistema di classificazione internazionale dei marchi (classificazione di Nizza), individuare le classi merceologiche di appartenenza dei prodotti/servizi per i quali si intende ottenere la registrazione del marchio; è fondamentale che il marchio venga registrato in tutte le classi in cui si intende utilizzarlo nel presente e (con una visione lungimirante visto che la registrazione dura minimo 10 anni) nel futuro per evitare di dover ripresentare una nuova domanda (con conseguente nuova spesa) nel momento in cui dovessero essere effettuate delle implementazioni di prodotti o servizi proposti.
marchio--italia

La registrazione di un marchio in Italia

Si diventa titolari di un marchio d’impresa a livello nazionale effettuando la domanda presso l’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi (UIBM) del Ministero dello Sviluppo Economico. La regola prevede che un “segno” possa essere considerato e registrato come marchio se rispetta i seguenti requisiti di idoneità:

  • novità, ovvero non confondibile con marchi preesistenti
  • capacità distintiva, cioè in grado di distinguere un prodotto o servizio da quello di altri
  • liceità, ossia non contrario alla legge (ordine pubblico e buon costume)
  • sincerità, vale a dire che non tragga in inganno i consumatori a proposito della provenienza geografica, delle caratteristiche e qualità dei prodotti e servizi rappresentati.

La presentazione della domanda

Luogo deputato:
Presso la Camera di Commercio di ogni città (di persona) oppure tramite il sito telemaco.infocamere.it (via telematica).
La domanda deve contenere:
· Modulo MA-RI: 1 originale e 2 copie, sull’originale deve essere apposta una marca da bollo da € 16,00. Se si desidera una copia in bollo è necessaria una ulteriore marca da € 16,00.
· € 101,00 tassa di registrazione comprensiva di una classe, da versare tramite F24, per ogni classe ulteriore da tutelare è necessario aggiungere € 34,00 di tasse.
· Ricevuta del pagamento dei diritti di segreteria pari a € 40,00 (copia semplice) oppure € 43,00 (copia autenticata) su c/c postale intestato alla Camera di  Commercio presso cui si effettua il deposito.



Durata della registrazione di un marchio?

La durata della protezione è di 10 anni dalla data del primo deposito. A scadenza, può essere rinnovata a tempo indeterminato, per periodi di 10 anni consecutivi.